Blog: http://ciscalabria.ilcannocchiale.it

Il santuario greco a Reggio Calabria

Nel salone della chiesa di San Giorgio al Corso – Reggio Calabria – il Centro internazionale Scrittori della Calabria, per il ciclo di Archeologia, ha tenuto il terzo incontro “Il Santur – Griso Laboccetta”. Il santuario greco a Reggio Calabria. Con l’ausilio di video proiezione ha relazionato la Dott.ssa Emilia Andronico, Direttore Archeologico, Coordinatore della Soprintendenza ai Beni Archeologici della Calabria. Il Santur Griso Laboccetta (così definito dal nome dei proprietari dei terreni) è il più importante santuario della Reggio greca. A partire da fine 1800, durante alcuni scavi, vennero alla luce numerosi oggetti di terracotta che proseguirono nel 1883 con la scoperta della prima stipe votiva. Da quella data, tra i numerosi e diversi oggetti ritrovati, il pezzo più importante, rinvenuto in quell’area archeologica è stato un bassorilievo in terracotta dipinta, la famosa “Lastra Griso Laboccetta” che rappresenta due fanciulle di stile arcaico in movimento. Gli studiosi affermano che tale lastra sia stata realizzata alla fine del VI sec. A. C..L’unica cosa che si può affermare con sicurezza è che la vita del santuario continuò da epoca arcaica (VII sec. a.C.) ad età ellenistico - romana, rimanendo punto di riferimento importantissimo nella storia della polis calcidese. Tra il numeroso pubblico presente sono intervenuti al dibattito: il prof. Francesco Arillotta, la preside Pina Provazza e il dott. Saverio Verduci.




                        Emilia Andronico - Loreley Rosita Borruto - Gianfranco Cordì




                               Salone della chiesa di San Giorgio al Corso - Reggio Calabria




                                                       Reggio Calabria 13 marzo 2013




                                                    Intervento prof. Francesco Arillotta




                                                            Dott.ssa Emilia Andronico




                                           Intervento Preside Prof.ssa Pina Provazza Porchi




Pubblicato il 14/3/2013 alle 1.37 nella rubrica Cultura.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web