Blog: http://ciscalabria.ilcannocchiale.it

"L'infelicità di essere greci" di Nikos Dimou - Castelvecchi

Venerdì 1 marzo 2013, nella sala conferenze della libreria “Culture”, via Zaleuco – Reggio Calabria - il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, nel contesto del ciclo di conferenze “Quattro passi …nel mondo antico …” ha presentato il libro “L’infelicità di essere greci” di Nikos Dimou – Edizione Castelvecchi. Dopo gli interventi di Maria Quattrone, già Dirigente Scolastico del Liceo Classico “T. Campanella” di Reggio Calabria e di Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria., ha relazionato Daniele Macris, docente di Latino e Greco al Liceo “Maurolico” di Messina – Segretario del Centro Ellenico dello Stretto (C.E.D.S.). “L’infelicità di essere greci” è forse il classico moderno greco più conosciuto in patria e all’estero. Un’opera che oggi si arricchisce di un significato politico ed economico in relazione alle cause che hanno portato la Grecia sull’orlo della bancarotta. Il libro è anche un’indagine universale, un’analisi sulla nostra verità di uomini moderni schiacciati dal confronto di un passato che ci appare migliore e più grande. Tra il pubblico presente sono intervenuti al dibattito il Prof. Nicola Petrolino, il Prof. Domenico Minuto, la Prof.ssa Anna Cama e l’artista Andrea Audino.




                                 Loreley Rosita Borruto - Daniele Macris - Maria Quattrone




              Nicola Petrolino - Loreley Rosita Borruto - Daniele Macris - Maria Quattrone




                 "L'infelicità di essere greci" di Nikos Dimou - Libreria "Culture" - Reggio Calabria





                                                          Reggio Calabria 1 marzo 2013




                                       Libreria "Culture" - Reggio Calabria




                                                    Intervento del Prof. Domenico Minuto


Linnk Video

http://www.facebook.com/photo.php?v=504170072957399&l=4543334938033777015


Pubblicato il 3/3/2013 alle 14.33 nella rubrica Cultura.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web