Blog: http://ciscalabria.ilcannocchiale.it

F. S. FITZGERALD E L'ETA' DEL JAZZ

Mercoledì 28 novembre 2012, nella sala conferenze della libreria “Culture” – Reggio Calabria, per il ciclo di Letteratura Mondiale, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria ha promosso l’incontro “Francis Scott Fitzgerald e l’età del Jazz”. Dopo l’intervento introduttivo di Loreley Rosita Borruto, Presidente del Cis della Calabria, è stato proiettato un documentario iconografico, musicale e filmico a cura del prof. Nicola Petrolino, esperto e critico di cinema, inquadrando la figura dello scrittore e la sua arte sempre sospesa in un impercettibile equilibrio tra cinismo e tenerezza. Di seguito sono seguiti gli interventi della Prof.ssa Maria Quattrone, già Dirigente Scolastico del Liceo Classico “T. Campanella” di Reggio Calabria e del Maestro Prof. Nino Spezzano, docente presso il Conservatorio di Musica di Stato “F. Cilea” di Reggio Calabria. A conclusione degli interventi il gruppo musicale “Nino Spezzano master quartet” si è esibito in una interessante perfomance musicale spaziando “Dal blues all’hip-hop” attraverso un percorso negli stili del jazz.

Francis Scott Fitzgerald scrittore statunitense (Saint-Paul, Minnesota, 1896 - Hollywood, 1940). Grazie al nonno materno, Fitzgerald studiò alla Newman School , nel New Jersey e poi a Pricenton. Nel 1918 lasciò gli studi per arruolarsi nell’esercito. A Motgomery in Alabama incontrò Zelda Sayre che presto divenne sua moglie. Dopo la nascita della figlia nel 1921, Francis e Zelda vissero gli anni più belli della loro vita tra Europa e America. A Parigi ebbe modo di incontrare Hemingway, Gertrude Stein, Dos Passos e la New York dell’”età del Jazz”: una sorto di perenne, illusoria festa dorata fino alla disastrosa crisi economica del 1929. Dimenticato, invecchiato e alcolizzato Francis Scott Fitzgerald, a Hollywood, tentò di recuperare la felicità creativa della giovinezza; la morte lo colse al lavoro. “Al di qua del paradiso”, 1920, è stato il suo primo romanzo (tra autobiografia, documento e favola ). Seguirono: “Belli e dannati”, 1922 (ritratto di una coppia inquieta); “Il grande Gatsby, 1925 (uno dei classici della letteratura americana, fu la rivelazione di un ingegno ormai maturo, capace di analizzare emozioni e motivazioni delle classi agiate e indicarne l’implicita distruttività); “Tenera è la notte”, 1934; “Gli ultimi fuochi”, 1941. Fitzgerald appartiene a quella generazione di artisti americani che Gertrude Stein definiva “perduta” (lost generation), la generazione che ha conosciuto negli Stati Uniti la frattura morale, storica, della prima guerra mondiale, ma anche i piaceri della ricchezza e della prosperità, della libertà dei costumi, delle scelte estetiche irregolari.



                

                   Nicola Petrolino - Loreley Rosita Borruto - Maria Quattrone - Nino Spezzano

                       


                                                Libreria "Culture" 28 novembre 2012




                                          Reggio Calabria 28 novembre 2012




                                    Reggio Calabria 28 novembre 2012




                                  Loreley Rosita Borruto - Maria Quattrone - Nino Spezzano




                                              Reggio Calabria 28 novembre 2012




                                           Libreria Culture 28 novembre 2012




                        Intervento musicale a cura del "Nino Spezzano master quartet"




                    Nino Spezzano - Bruno Pugliese - Carmelo Barra - Bruno Milasi




                                "Nino Spezzano master quartet" - 28 novembre 2012




                                                 "Nino Spezzano master quartet"




                     "Nino Spezzano master quartet" - Libreria Culture 28 novembre 2012





                             Libreria Culture (Reggio Calabria) - 28 novembre 2012

Pubblicato il 8/12/2012 alle 11.54 nella rubrica Cultura.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web