.
Annunci online

 
ciscalabria 
Centro Internazionale Scrittori della Calabria
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Centro Internazionale Scrittori
Facebook
CIS Calabria
CIS della Calabria
Fondo Antonio Piromalli
http://www.itispininfarina.itinfarina di Torino
Comune di R. C.
Rai-TV
Blog libri
Ricerca Libri
  cerca

Il “Centro Internazionale Scrittori della Calabria”, deriva dalla sezione Calabrese dell’Unione Nazionale Scrittori. L’obiettivo dell’Associazione è di promuovere e divulgare, ad ogni livello sociale e culturale, l’interesse per la letteratura, l’arte e la creatività nelle loro variegate espressioni, con particolare attenzione sia alla Calabria, come area territoriale, in un’ampia prospettiva che pone la cultura come elemento fondante, nel processo di internazionalizzazione e di integrazione europea, sia alla difesa dell’identità culturale italiana nel sistema di globalizzazione del sapere e dell’economia. Il “Centro Internazionale Scrittori della Calabria” è associato alla “Universitas Montaliana di Poesia di Maria Luisa Spaziani” e al “Gruppo Cultura Italia” a cui appartengono molti grandi della cultura italiana.


 

diario | Cultura | Comitato artistico | Comitato Scientifico | Concorsi Letterari | Scienza | Cinema | Mostre |
 
Diario
441354visite.

6 agosto 2013

Non sono diverso - Docu-film di Mimmo Raffa

Loreley Rosita Borruto, presidente del Centro Internazionale Scrittori della Calabria, ha presentato  nel Chiostro della Chiesa di San Giorgio al Corso  di Reggio Calabria,  ha presentato "Non sono diverso " , Docu-Film del regista Mimmo Raffa, scritto da Veneranda Legato. Il video-documento ha  trattato, attraverso immagini efficaci e interviste dirette,  il problema degli immigrati e la loro integrazione nel paese ospitante, in questo caso l'Italia e, in particolare la Calabria. Il regista ha  introdotto l'argomento facendo riferimento alle cause del fenomeno migratorio: un flusso continuo di persone appartenenti ad etnie diverse e provenienti, in gran parte  dall'Africa, in fuga verso l'Italia alla ricerca di migliori condizioni di vita. La tutela dei diritti della persona e della sua dignità deve, secondo Mimmo Raffa, far riflettere sui motivi che spingono queste persone a lasciare  la terra nativa in cerca di libertà e di lavoro. Motivi politici determinati dall'azione di governi tirannici e dittatoriali, insurrezioni  e repressioni militari, genocidi, gravi crisi economiche con uno status  di endemica povertà tra la popolazione, spingono alla ricerca  della libertà e favoriscono la fuga verso  gli Stati  dell'Occidente  europeo e, in particolare, verso l'Italia. Gruppi etnici provenienti, in particolare dall'Africa, ma anche dai paesi dell'Est e del Nord Europa hanno trovato accoglienza  e lavoro, anche se spesso "in nero". Mimmo Raffa ricorda, anche, il recente viaggio di Papa Francesco a Lampedusa, e i sentimenti di amore e accoglienza per un'umanità bisognosa e derelitta da Lui espressi. La proiezione del docu-film ha illustrato attraverso immagini significative,  lo status degli immigrati in alcuni paesi della costa ionica della provincia di Reggio Calabria. Ha messo, inoltre, in evidenza, attraverso le interviste rivolte ad alcuni immigrati, le loro problematiche  e i bisogni più impellenti: la frequenza scolastica che richiede la conoscenza della lingua italiana da realizzarsi con un percorso di apprendimento preventivo; un'attività  prevalentemente ad  iniziativa di Volontariato o con l'istituzione di  corsi di alfabetizzazione da parte degli Istituti  scolastici. La ricerca di un lavoro non sempre adeguato al titolo di studio acquisito nel paese d'origine, trattandosi spesso di lavori stagionali  quali la raccolta delle arance nei paesi della Piana e, in particolare, a Rosarno. Qui  le condizioni di vita degli extracomunitari,  come documentato nel video, sebbene  migliorate, sono ancora carenti. Per la soluzione del problema di una reale integrazione è necessario un impegno politico più proficuo e un efficace supporto economico che affianchi la disponibilità umana e l'accoglienza da parte della popolazione locale. Ma, soprattutto, si  richiede  la formazione  di una mentalità interculturale che, attivando il valore della solidarietà umana e valorizzando le "differenze culturali", annulli la diversità ed elimini l'emarginazione. Al video è' seguito un dibattito a cui hanno partecipato Antonietta De Angelis,  Emilia Serranò e  Andrea Audino.

    Emilia Serranò                                                                               

 

Loreley Rosita Borruto - Mimmo Raffa - Veneranda Legato
 
Chiostro San Giorgio al Corso - Reggio Calabria - 2 agosto 2013
 
Reggio Calabria
 
Spazio mostra
 




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stefano fava

permalink | inviato da ciscalabria il 6/8/2013 alle 0:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre