.
Annunci online

 
ciscalabria 
Centro Internazionale Scrittori della Calabria
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Centro Internazionale Scrittori
Facebook
CIS Calabria
CIS della Calabria
Fondo Antonio Piromalli
http://www.itispininfarina.itinfarina di Torino
Comune di R. C.
Rai-TV
Blog libri
Ricerca Libri
  cerca

Il “Centro Internazionale Scrittori della Calabria”, deriva dalla sezione Calabrese dell’Unione Nazionale Scrittori. L’obiettivo dell’Associazione è di promuovere e divulgare, ad ogni livello sociale e culturale, l’interesse per la letteratura, l’arte e la creatività nelle loro variegate espressioni, con particolare attenzione sia alla Calabria, come area territoriale, in un’ampia prospettiva che pone la cultura come elemento fondante, nel processo di internazionalizzazione e di integrazione europea, sia alla difesa dell’identità culturale italiana nel sistema di globalizzazione del sapere e dell’economia. Il “Centro Internazionale Scrittori della Calabria” è associato alla “Universitas Montaliana di Poesia di Maria Luisa Spaziani” e al “Gruppo Cultura Italia” a cui appartengono molti grandi della cultura italiana.


 

diario | Cultura | Comitato artistico | Comitato Scientifico | Concorsi Letterari | Scienza | Cinema | Mostre |
 
Diario
446002visite.

30 agosto 2012

Incontro con Stellario Baccellieri, pittore

Nel chiostro della chiesa di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria ha promosso l’incontro: “Il mito nell’arte: Tiziano”. Con l’ausilio di video proiezioni ha relazionato la prof.ssa Elvira Leuzzi, già docente di Teoria della percezione e Psicologia della forma all’Accademia di “Belle Arti” di Reggio Calabria, critico e storico dell’Arte. Tiziano Vecellio nasce a Pieve del Cadore nel 1488, trasferitosi a Venezia continua gli studi e lavora in una delle più importanti botteghe artistiche del tempo quella di Giovanni Bellini. Dopo la morte di Giovanni Bellini, avvenuta nel 1516, viene nominato pittore ufficiale della Serenissima. La sua prima committenza pubblica è l’Assunta per Santa Maria Gloriosa dei Frari. Durante la sua lunga attività di pittore, Tiziano, artista innovatore e poliedrico, maestro del colore totale, è conteso tra le corti di Mantova e Urbino. Lavora, inoltre, per committenze pubbliche e per ordini religiosi. Nel 1542 collabora con papa Paolo III e con la sua famiglia si trasferisce a Roma dove rimane fino al 1546. Nel 1530 ha l’opportunità di ritrarre Carlo V durante la sua incoronazione. L’imperatore e suo figlio Filippo II, futuro re di Spagna, ne fanno il loro pittore prediletto. Nel corso di una epidemia di peste, muore a Venezia il 27 agosto del 1576. Tra il numeroso pubblico presente hanno partecipato al dibattito Giuseppe Palamara, Tina Parisi e Giuseppe Gangemi.



  

Chiostro della chiesa di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria - 29 agosto 2012 - Loreley Rosita Borruto - Elvira Leuzzi




                                              Reggio Calabria 29 agosto 2012




                                              Reggio Calabria 29 agosto 2012




                             Chiostro della chiesa di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria




                                                                      Elvira Leuzzi




                            Giuseppe Palamara - Loreley Rosita Borruto - Elvira Leuzzi



                                                       Intervento di Giuseppe Gangemi




                                                          Intervento di Tina Parisi




                                                       Loreley Rosita Borruto - Elvira Leuzzi



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stefano fava

permalink | inviato da ciscalabria il 30/8/2012 alle 17:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio        settembre