.
Annunci online

 
ciscalabria 
Centro Internazionale Scrittori della Calabria
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Centro Internazionale Scrittori
Facebook
CIS Calabria
CIS della Calabria
Fondo Antonio Piromalli
http://www.itispininfarina.itinfarina di Torino
Comune di R. C.
Rai-TV
Blog libri
Ricerca Libri
  cerca

Il “Centro Internazionale Scrittori della Calabria”, deriva dalla sezione Calabrese dell’Unione Nazionale Scrittori. L’obiettivo dell’Associazione è di promuovere e divulgare, ad ogni livello sociale e culturale, l’interesse per la letteratura, l’arte e la creatività nelle loro variegate espressioni, con particolare attenzione sia alla Calabria, come area territoriale, in un’ampia prospettiva che pone la cultura come elemento fondante, nel processo di internazionalizzazione e di integrazione europea, sia alla difesa dell’identità culturale italiana nel sistema di globalizzazione del sapere e dell’economia. Il “Centro Internazionale Scrittori della Calabria” è associato alla “Universitas Montaliana di Poesia di Maria Luisa Spaziani” e al “Gruppo Cultura Italia” a cui appartengono molti grandi della cultura italiana.


 

diario | Cultura | Comitato artistico | Comitato Scientifico | Concorsi Letterari | Scienza | Cinema | Mostre |
 
Diario
1visite.

23 luglio 2013

Aquafortis - Una tecnica incisoria

Nello spazio del chiostro di San Giorgio al Corso - Reggio Calabria, nel contesto del "Ciclo di Architettura", Loreley Rosita Borruto, presidente del Centro Internazionale Scrittori della Calabria, ha organizzato il quarto incontro "Aqua fortis" - Note su una tecnica incisoria. Relatore prof. Gianfranco Neri, ordinario di Composizione Architettonica e Direttore del Dipartimento d'Arte, Architettura e Territori dell'Università Mediterranea di Reggio Calabria, nonché componente del Comitato Scientifico del CIS della Calabria. Durante l'incontro sono stati proiettati dei video sulla tecnica incisoria. L'origine dell'acqua fortis risale al Medioevo quando gli antichi alchimisti per incidere fregi e decorazioni su armi e armature usavano l'acido nitrico (in latino aqua fortis). Successivamente, il nome e la tecnica vennero usati dagli artisti incisori. Le lastre utilizzate per l'incisione dopo averle levigate e sgrassate, vengono coperte da un sottile strato di cera ed annerite con nerofumo per rendere la cera più resistente all'azione degli acidi e più visibile ai segni. Con una punta di acciaio arrotondata si esercita una pressione sufficiente a scoprire il metallo, tracciando i segni che comporranno l'immagine. Tra i presenti numerose domande sono state poste al relatore.

 

Loreley Rosita Borruto - Gianfranco Neri - Chiostro San Giorgio al Corso - Reggio Calabria 22 luglio 2013
 
Intervento di Nicola Petrolino
 
Loreley Rosita Borruto - Domenico Baronetto - Gianfranco neri
 
Gianfranco Neri - Francesca paolino
 
Reggio Calabria 22 luglio 2013
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stefano fava

permalink | inviato da ciscalabria il 23/7/2013 alle 16:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        agosto