.
Annunci online

 
ciscalabria 
Centro Internazionale Scrittori della Calabria
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Centro Internazionale Scrittori
Facebook
CIS Calabria
CIS della Calabria
Fondo Antonio Piromalli
http://www.itispininfarina.itinfarina di Torino
Comune di R. C.
Rai-TV
Blog libri
Ricerca Libri
  cerca

Il “Centro Internazionale Scrittori della Calabria”, deriva dalla sezione Calabrese dell’Unione Nazionale Scrittori. L’obiettivo dell’Associazione è di promuovere e divulgare, ad ogni livello sociale e culturale, l’interesse per la letteratura, l’arte e la creatività nelle loro variegate espressioni, con particolare attenzione sia alla Calabria, come area territoriale, in un’ampia prospettiva che pone la cultura come elemento fondante, nel processo di internazionalizzazione e di integrazione europea, sia alla difesa dell’identità culturale italiana nel sistema di globalizzazione del sapere e dell’economia. Il “Centro Internazionale Scrittori della Calabria” è associato alla “Universitas Montaliana di Poesia di Maria Luisa Spaziani” e al “Gruppo Cultura Italia” a cui appartengono molti grandi della cultura italiana.


 

diario | Cultura | Comitato artistico | Comitato Scientifico | Concorsi Letterari | Scienza | Cinema | Mostre |
 
Diario
1visite.

7 settembre 2012

"IL CULTO MARIANO" - Con video "I VOLTI DI MARIA"

Nel chiostro della chiesa di San Giorgio al Corso, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, in occasione delle feste patronali e in onore della Madonna della Consolazione, ha promosso l’incontro “Il culto mariano”. Don Antonio Santoro, sacerdote della chiesa di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria, durante il suo intervento, si è soffermato sul significato sociale e religioso della festa dedicata alla Madonna della Consolazione che si celebra nella città di Reggio Calabria dal sabato al martedì dopo la prima domenica che segue l’otto settembre di ogni anno. Loreley Rosita Borruto, presidente del Cis della Calabria, ha sottolineato come “la Vergine Maria ha ispirato artisti in tutto il mondo e in tutte le epoche" ed ha concluso il suo intervento ringraziando don Antonio Santoro per avere ospitato e data la possibilità al Centro Internazionale Scrittori della Calabria di svolgere nello spazio suggestivo del chiostro, le attività culturali, artistiche e religiose dell’estate 2012. Ha ringraziato, inoltre, il comitato scientifico e il comitato artistico del Cis della Calabria, i relatori, i collaboratori e il pubblico, sempre numeroso e attento, dando appuntamento ai prossimi incontri autunnali. La relatrice prof.ssa Mila Lucisano, docente di Italiano e latino, critico letterario e componente il comitato scientifico del Cis della Calabria, ha ricordato come, nel corso dei secoli, le forme di venerazione della Madonna, Madre di Gesù, si sono basate sullo studio delle tradizioni storico-religiose del Cristianesimo e si è soffermata su alcuni autori classici che nelle loro opere si sono ispirate alla Madonna (Dante, Petrarca, Boccaccio, Manzoni). Nei versi della “Vergine Maria”, contenuti nella Divina Commedia di Dante è concentrata tutta la tradizione teologica mariana. Maria creatura umile viene scelta da Dio per la salvezza degli uomini. E’ stato proiettato, infine, il video “I volti di Maria”. Immagine della Madonna nell’arte, nella poesia, nella musica e nel cinema a cura del prof. Nicola Petrolino, esperto e critico di cinema, responsabile sezione cinema del Cis della Calabria. Attraverso la presentazione multimediale di varie espressioni pittoriche, letterarie, musicali e cinematografiche - il prof. Nicola Petrolino - ha evidenziato come l’immagine della Vergine Maria è la creatura più cantata e più magnificata in tutte le lingue. Tra il numeroso pubblico presente sono intervenuti al dibattito i diaconi dott. Petrolino e dott. Palamara, la prof.ssa De Angelis, il musicista Ielo e il dott. Martino Parisi.




        Chiostro di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria - Loreley Rosita Borruto - don Antonio Santoro - Mila Lucisano - Nicola Petrolino - 5 settembre 2012







                                                         Reggio Calabria 5 settembre 2012




                        Chiostro di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria 5 settembre 2012




                                                "IL CULTO MARIANO" - 5 settembre 2012




                                            Reggio Calabria 5 settembre 2012




                     Chiostro di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria - 5 settembre 2012



                    

                                                 Intervento del diacono dott. Petrolino




                                              Intervento del diacono dott. Palamara




                                                   Intervento del dott. Martino Parisi




              Chiostro di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria - 5 settembre 2012


_________________________________________________________________

IL CULTO MARIANO

Una serata piacevole e suggestiva quella con cui si è chiuso il ciclo estivo promosso dal CIS per la stagione 2012. Nel chiostro della chiesa di San Giorgio al Corso, il Centro Internazionale Scrittori della Calabria, in occasione delle feste patronali e in onore della Madonna della Consolazione, ha infatti promosso l’incontro “Il culto mariano”. "In lei s'aduna quantunque in creatura è di bontade ", scrive della vergine Maria Dante nella Divina Commedia; questo anche l'incipit della relazione elaborata dalla Prof.ssa Mila Lucisano docente di Italiano e latino, critico letterario e componente il comitato scientifico del Cis della Calabria. Il tema scelto e concertato con la Presidente del CIS Prof.ssa Rosita Borruto ha molto interessato il nutrito pubblico intervenuto in una tiepida serata di fine estate. La Madonna , regina perchè madre di Cristo Re e madre ella stessa di tutti gli uomini, ha da sempre ispirato gli artisti ed i poeti di ogni tempo. Coronata del duplice diadema, ovvero della Verginità e della Maternità, la Vergine entra nel culto cristiano nel momento in cui si comincia a celebrare il Santo Natale ovvero nel VII secolo e mai cesserà d'esser il “termine fisso” per ogni credente. Dalla poesia di Jacopone da Todi, con le sue dolorose e drammatiche Laudi, all'alto canto del Padre Dante, passando per la “Vergine bella” petrarchesca, i versi eterni dedicati alla Signora hanno trovato durante la serata una fine interpretazione nella relazione della Professoressa Lucisano. E' stato inoltre dato largo spazio all'attualizzazione del messaggio poetico medievale, proponendo una lettura comparata dei testi dediacti alla figura mariana da poeti quali Carducci, Pascoli e finanche Pasolini, sulla cui dolorosa fede sono state fatte interessanti riflessioni. Di grande sugestione inoltre il momento in cui la Professoressa ha voluto rileggere con i presenti il Cap XXI dei Promessi Sposi e la tenera preghiera, che Lucia rivolge dal Castello dell'Innominato alla Madonna. La serata ha avuto ancora un momento di grande fascino nella proiezione del video “I volti di Maria”. Immagine della Madonna nell’arte, nella poesia, nella musica e nel cinema a cura del prof. Nicola Petrolino, esperto e critico di cinema, responsabile sezione cinema del Cis della Calabria. Attraverso la presentazione multimediale di varie espressioni pittoriche, letterarie, musicali e cinematografiche - il prof. Nicola Petrolino - ha evidenziato come l’immagine della Vergine Maria sia la creatura più cantata e più magnificata in tutte le lingue. Don Antonio Santoro, sacerdote della chiesa di San Giorgio al Corso di Reggio Calabria, durante il suo intervento di apertura, si è soffermato sul significato sociale e religioso della festa dedicata alla Madonna della Consolazione e dunque con il pensiero rivolto all'Immacolata Concezione, alla sua Maternità divina, su cui gli uomini di oggi devono tornare a sperare, si è voluto concludere l'incontro. In una sintesi di storia e trascendenza, di arte e salvezza, il CIS ha voluto chiudere i propri incontri al Chiostro, volgendo lo sguardo ambizioso ed operoso alla stagione autunnale. La Vergine dunque cantata ed invocata ha avuto il suo modesto eppur ispirato canto anche dai cultori della Letteratura e dell'arte, i quali in una città come Reggio trovano nell'attività del CIS un giusto momento di riflessione ed arricchimento di alto livello culturale e scientifico.

Prof.ssa Mila Lucisano



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stefano fava

permalink | inviato da ciscalabria il 7/9/2012 alle 14:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre